CELTS. Part 1: A brief History of an ethnic group. CELTI. Parte 1°: Breve storia di una etnia.

CELTS.   Part 1: A brief history of an ethnic group.

Very often we think we know enough about a certain topic, but this is not true. That’s why it’s wonderful to read, study and learn more about.

My original project was to talk about esoteric, mysteries, myths of  Celts, their beliefs and their religion, and druids who were their priests.

Then, mindful of my studies on the work of Julius Caesar: “Gallic Wars”, I realized that Celts (or Gauls, as Caesar called them) were not from the Anglo-Saxon countries, but were the ancestors of many peoples in Europe and Asia. That means perhaps we are all Celts…

It ‘s still much disputed among the scholars their true origins: some say that they came from East of Europe, the Caucasus or Russia, some say they came from European areas of the Atlantic. However they occupied almost the whole of Europe from Atlantic Ocean to most of Asia, from Northern Europe to Southern Europe, including the Iberian Peninsula and Italy (North, Central and part of the South).

Around 2200 BC in central Europe, there were two different ethnic groups: in the  North-East (the area that later became Poland) the “Lusatian culture”, in the  North-West and South, the so-called culture of  “fields of urns.”

The Lusatian culture was characterized by the worship of the burial of the dead. This culture will then give rise to Germanic peoples.

In the culture of the “fields of urns” the dead were “cremated” and the ash stored in “urns”. This culture will result in the Hallstatt culture and later in the Celtic culture.

Between 1200 BC and 800 BC (the Late Bronze Age) in the region of Europe including part of eastern France, Germany around the Black Forest, Switzerland and Austria developed the culture of Hallstatt (Hallstatt is a small town near Salzburg, Austria ). The excavations brought to light a large Hallstatt necropolis dating back to the first millennium BC, with over a thousand graves. Most of the dead were buried, but many others were cremated and the ashes deposited in urns.

Between 800 BC and 500 BC (the Iron Age) the Western parts of this culture had an evolution greater then the Eastern part because of trade with the Greek colony of Massalia (now Marseille) and the Etruscans.

Between 500 BC and 50 BC, following the strong influence of Greek and Etruscan, La Tene (village situated on Lake Neuchatel in Switzerland) takes the place of Hallstatt. This culture is also found in south-eastern France, southern Germany, Switzerland, Italy, Austria, Czechoslovakia and Hungary. The Greeks (Hecataeus of Miletus and Herodotus of Halicarnassus) and the Romans (Julius Caesar, Polybius) called “Celtic” the peoples of La Tene culture. Julius Caesar in his “Gallic Wars” says: “Gauls  are those people who call themselves  Celts”.

Between 600 and 500 BC are dated the first inscriptions in the Celtic language in Italy (Castelletto Ticino, Sesto Calende and Golasecca, all in Piedmont). The alphabet used is the one in use among the southern Etruscans, in the faliscan variant of the language ( in towns like Capena, north of Rome, where I live, near Veii). The Faliscan language is much closer to Celtic than the same Etruscan language.

Around 390 BC transalpine Celts arrive in Italy and settle there.

The decline of the Celts in Europe began with the invasion of Europe by Rome, especially between 58 and 50 BC when Julius Caesar invaded and conquered the whole Gaul. The Romans joined the Celts, they absorbed part of their great culture, as well as the Celts absorbed Roman culture.

Angles and Saxons, german people, invaded celtic regions from north-east, exterminating the Celts and their culture, relegating them in remote areas of  Roman Empire, like Ireland, Cornwall, Wales, the Isle of Man and Scotland. The Bretons who escaped from the island (Great Britain) took refuge in “Aquitania”, once called “Armorica” ​​and today “Britain” (in France).

The Celtic language survived only in Ireland. But after the colonization by Great Britain, english became the official language. The Celtic continued to be spoken by the peasants of the countryside, and only in the nineteenth century, the Irish claimed their origin of Celtic peoples. The recognition of their Celtic origin, however, has not stopped the decline of the Celtic language, now extinct in 5 of the 6 regions: Britain, Ireland, Cornwall, Isle of Man and Scotland. Only Wales still retains the language and the reason is that the Welsh were the first to take an interest in their own history, creating at the beginning of 1700 a study of the Celtic languages, complete with grammar and vocabulary. This study has come to us in the work “British Archaeology” by Edward Llhuyd, just published in 1707.

The expansion of English and French idioms relegated the Celtic idioms to the countryside, where was easier for the peasants to retaine their ancient folklore and language. The steady decline of the people who still practice the Celtic idioms ​​has made possible the growth of the number of scholars of these languages, customs and culture.

In addition to the folklore and traditions, Celtic culture was and is still passed down from Welsh literature and Irish epic and mythological. Even today there are series of books “niche” in the Celtic language as well as in English. Not so in France, where there are no translations in Celtic.

Recommended books: Venceslas Kruta – Les Celts, Histoire et dictionnaire

 

Celts in III century BC

Celts in III century BC

Hallstatt and LaTene

Hallstatt and LaTene

Rune Codex

Rune Codex

All images are from Internet.

CELTI.  Parte 1°: Breve storia di una etnia

Spesso ci capita di credere di saperne abbastanza di un certo argomento. Invece poi scopriamo di non sapere quasi mai nulla di veramente importante. E’ per questo che è bello leggere, studiare, approfondire, acculturarsi.

Ero partito con l’intenzione di parlare di esoterismo, misteri, miti riguardanti i celti, le loro credenze e la loro religione, e i druidi che erano i loro sacerdoti.

Poi, memore dei miei studi sull’opera di Giulio Cesare: “De bello gallico”, mi sono reso conto che i Celti (ovvero i Galli, come li chiamava Cesare) non furono un popolo originario dei paesi anglosassoni, ma che furono gli antenati di molti popoli dell’Europa e dell’Asia. Come dire che forse siamo tutti Celti.

E’ ancora molto contestata presso gli studiosi la loro vera origine: alcuni dicono che essi provenivano dall’ Est d’Europa, dal Caucaso, o dalla Russia, altri che essi provenivano dalle zone europee dell’Atlantico. Sia come sia, essi occuparono praticamente tutta l’Europa, dall’Atlantico all’Asia minore e parte dell’ Asia, dal Nord-Europa fino al Sud-Europa (compresa tutta la penisola iberica, l’Italia (del Nord, del Centro e parte del Sud).

Intorno al 2200 a.C. nell’Europa centrale si distinguono due etnie diverse: a Nord-Est (nell’area che diventerà poi la Polonia) la “cultura lusaziana”, a Nord-Ovest e a Sud la cultura cosiddetta dei “campi di urne”.

La cultura lusaziana si distingueva per il culto della inumazione dei morti. Questa cultura darà poi origine alle popolazioni germaniche.

Nella cultura dei campi di urne invece i morti venivano “cremati” e le ceneri conservate in “urne cinerarie”. Questa cultura darà origine alla cultura di Hallstatt e poi alla cultura celtica.

Tra il 1200 a.C. e l’ 800 a.C. (siamo nelle tarda età del bronzo) nella regione d’Europa comprendente parte della Francia orientale, della Germania intorno alla Foresta Nera, della Svizzera e dell’Austria si sviluppò la cultura di Hallstatt (Hallstatt è una cittadina nei pressi di Salisburgo, in Austria). Gli scavi di Hallstatt misero in luce una grande necropoli risalente al I millennio a.C., con oltre mille tombe. Gran parte dei morti erano inumati, ma molti altri erano stati cremati e le ceneri deposte in urne.

Tra l’ 800 a.C. e il 500 a.C. (siamo nell’età del ferro) le zone occidentali di questa cultura subiscono una evoluzione maggiore di quelle orientali per via dei rapporti commerciali con la colonia greca di Massalia (oggi Marsiglia) e con gli etruschi.

Tra il 500 a.C. e il 50 a.C., a seguito della grossa influenza della cultura greca e di quella etrusca, ad Hallstatt subentra La Tene (villaggio situato sul lago di Neuchatel in Svizzera). Questa cultura la si ritrova nella Francia sud-orientale, nel sud della Germania, in Svizzera, in Italia, in Austria, Cecoslovacchia e Ungheria.  I Greci (Ecateo di Mileto ed Erodoto di Alicarnasso) e i Romani (Giulio Cesare, Polibio) chiamarono “celti” i popoli della cultura di La Tene. Giulio Cesare, come già ricordato, nel “De bello gallico” chiamava “Galli quei popoli che tra loro si chiamano Celti”.

Tra il 600 e il 500 a.C. si datano le prime iscrizioni in lingua celtica in Italia (Castelletto Ticino, Sesto Calende e Golasecca, tutti in Piemonte). L’alfabeto usato è quello in uso tra gli etruschi meridionali, nella variante dei popoli Falisci di centri come Capena (cittadina del Lazio, a nord di Roma, in cui risiedo) nei pressi di Veio. Tra l’altro il linguaggio falisco è molto più vicino a quello celtico di quanto non lo sia lo stesso linguaggio etrusco.

Intorno al 390 a.C. i Celti transalpini arrivano in Italia e vi si insediano.

Il declino dei Celti in Europa cominciò con l’invasione dell’Europa da parte di Roma, soprattutto tra il 58 e il 50 a.C. quando Giulio Cesare invase tutta la Gallia e la conquistò. I Romani si unirono ai Celti, ne assorbirono in parte la grande cultura, così come i Celti assorbirono la cultura romana.

Da nord-est invece furono i Germani a combattere i Celti. Angli e Sassoni annientarono totalmente nelle regioni da loro conquistate i Celti e la loro cultura, relegando quei popoli in alcune regioni periferiche dell’ Impero Romano, come l’Irlanda, la Cornovaglia, il Galles, l’isola di Man e la Scozia. I Bretoni che fuggivano dall’isola (Gran Bretagna) si rifugiarono in quella regione che i Romani chiamavano “Aquitania”, che anticamente era “Armorica” ed oggi è la “Bretagna” (in Francia). La lingua celtica sopravvisse solo in Irlanda. Dopo la colonizzazione da parte della Gran Bretagna, la lingua ufficiale dell’Irlanda divenne l’inglese, ma il celtico continuò ad essere parlato dai contadini delle campagne, e solo nel XIX sec gli irlandesi rivendicarono il loro passato di popoli celtici. Il riconoscimento tuttavia della loro origine celtica non ha però fermato il declino della lingua celtica, oggi ormai estinta in 5 delle 6 regioni: Bretagna, Irlanda, Cornovaglia, isola di Man e Scozia. Solo il Galles conserva ancora la lingua e il motivo sta nel fatto che i gallesi furono i primi ad interessarsi della propria Storia, realizzando agli inizi del 1700 uno studio delle lingue celtiche, completo di lessico e grammatica. Tale studio ci è pervenuto nell’opera “Archeologia Britannica” di Edward Llhuyd, pubblicata appunto nel 1707.

L’espansione della lingua inglese e di quella francese ha relegato gli idiomi celtici alle campagne, là dove cioè era più facile che i contadini conservassero il proprio folklore e l’antica lingua. Il costante ridursi delle persone che ancora praticano le lingue celtiche ha oggi fatto sì che crescesse il numero di studiosi di queste  lingue, dei costumi, della cultura.

Oltre al folklore e alle tradizioni, la cultura celtica è stata ed è ancora oggi tramandata dalla letteratura gallese e irlandese a carattere epico e mitologico. Ancora oggi esistono collane di libri “di nicchia” in lingua celtica oltre che in lingua inglese. Non è la stessa cosa in Francia, dove non esistono traduzioni in celtico.

Libri raccomandati: Venceslas Kruta – La grande storia dei Celti (Universale storica Newton, 2009)

Annunci

4 thoughts on “CELTS. Part 1: A brief History of an ethnic group. CELTI. Parte 1°: Breve storia di una etnia.

  1. Grazie per questo contributo molto interessante! E’ sorprendente pensare che forse siamo tutti un pò Celti! E curioso rivisitare l’immagine più diffusa di un popolo misterioso che praticava strani riti esoterici, relegato nella fredda e misteriosa Irlanda! Invece dal tuo lavoro emerge che le loro origini si collocano da tutt’altra parte e che praticavano l’invasione e il saccheggio non risparmiando l’Italia di cui tra le altre cose apprezzavano anche il vino (in Piemonte si trovano pure le prime iscrizioni)!! Grazie poi alla curiosità innescata dal tuo articolo, ho potuto ripescare il famoso episodio delle oche del Campidoglio che con il loro starnazzare avvertirono i superstiti al saccheggio di Roma del 390 a.C. asserragliati sul Colle dell’arrivo dei Celti o Galli, consentendo ai romani non solo di respingere l’assedio ma anche di ribaltare le sorti del conflitto! Grazie!!!

    • Grazie Marzia per il tuo commento. Continuerò a parlare di Celti nei prossimi post: la loro lingua, le iscrizioni, la letteratura, la loro fede, l’esoterismo, la magia, il druidismo e così via. Sono molte le cose da dire e le dirò. Sperando di non annoiare chi mi legge.

  2. Ciao Giuseppe, si, il bello di leggere e informarsi p è proprio rendersi conto che c’è ancora tanto da scoprire, tanto che può stupirci. Basta avere voglia di approfondire gli argomenti 🙂

Lascia un Commento, se vuoi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...