Antartide: un mistero. Antarctica. A mystery.

Antartide. Un mistero.   Antarctica. A mystery.

Quando di un determinato fenomeno o ritrovamento non si riesce a dare una spiegazione supportata da fatti e considerazioni valide, allora nasce quello che si chiama “mistero”, che ovviamente in molti si affrettano a sostenere che di mistero non si tratta, ma che tuttavia tale è e rimane.

L’ Antartide è un continente che, pur essendo molto vasto e pur essendo stato teorizzato dal filosofo e matematico greco Pitagora (vissuto dal 570 a.C. circa fino al 490 a.C. circa) e dal matematico, astronomo e geografo greco Eratostene (vissuto dal 270 a.C. circa fino al 200 a.C. circa), non fu mai scoperto fino al 1820 circa.

Detto ciò e detto anche che molte sono le mappe che riportano confini teorici di una terra mai vista ma solo ipotizzata, veniamo al mistero.

Nel 1929 a Istanbul venne rinvenuta una mappa disegnata dall’ammiraglio Piri Reis e recante la data dell’anno 919 dell’Egira (1513 d.C.).

Il documento è universalmente riconosciuto come autentico. La parte inferiore della mappa rappresenta la costa della “Terra della Regina Maud” (una enorme fetta di Antartide della dimensione di circa 1/5 dell’intero continente, e rivendicata dalla Norvegia.

Fin qui nulla di speciale, senonché nel 1949 una spedizione svedese-britannica effettua un profilo sismico sulla superficie di ghiaccio, rilevando i contorni della terra esistente sotto la cappa di ghiaccio. Ebbene essi coincidono perfettamente con la mappa di Piri Reis. Il mistero è appunto questo: come si concilia la mappa del 1513 con il rilievo del 1949? Ovviamente non c’è risposta. Ma qualche considerazione si può fare.

  1. Geologi e scienziati sostengono che la costa della Terra di Maud era sgombra dai ghiacci (e poteva quindi essere disegnata su una mappa) circa 4000 anni a.C.
  2.  Tale situazione, cioè la costa sgombra dai ghiacci, è perdurata per almeno 9000 anni, e quindi dal 13000 al 4000 a.C.
  3. La linea costiera è quindi stata disegnata in questo periodo di disgelo.
  4. Come può Piri Reis aver disegnato quella costa se non da un documento risalente all’epoca del disgelo?
  5. E chi all’epoca del disgelo aveva la tecnologia per realizzare un rilievo cartografico?

Dunque, al mistero della carta che nel 1513 rappresenta una terra scoperta solo nel 1820, si aggiunge un  mistero molto più importante: a quale millennio a.C. risalgono le fonti cartografiche a disposizione di Piri Reis?

Immagini prese da Internet.

Libri consigliati: Graham Hancock. Impronte degli Dei [Corbaccio]

Antarctica. A mystery.
When a particular phenomenon or finding you can not give an explanation supported by facts or valid considerations, then comes what is called “mystery”, which of course many are quick to argue that this is not mystery, but nevertheless this is and remains.
Antarctica is a continent that, despite being very large and although it was theorized by the greek philosopher and mathematician Pythagoras (who lived approximately from 570 BC to 490 BC) and the greek mathematician, astronomer and geographer Eratosthenes (who lived approximately from 270 BC up to 200 BC), was never discovered until about 1820.
Having said that, and also said that there are many maps showing theoretical boundaries of a land never seen but only hypothesized, we come to the mystery.
In 1929 in Istanbul was found a map drawn by admiral Piri Reis and dated the year 919 of the Hegira (1513 AD). The document is universally recognized as authentic. The lower part of the map represents the coast of Queen Maud Land (a huge chunk of Antarctica the size of about 1/5 of the entire continent, and claimed by Norway.
So far nothing special, except that in 1949 a British-Swedish expedition carried out a seismic profile on the surface of ice, detecting the contours of the existing ground under the ice cap. Well they coincide perfectly with the Piri Reis map. The mystery is precisely this: how do you reconcile the map of 1513 with the relief of 1949? Of course there is no answer. But some consideration can be done.
1. Geologists and scientists say that the Queen Maud Land coast was clear of the ice (and could therefore be drawn on a map) about 4000 years BC
2. This situation, which is the coast clear of ice persisted for at least 9000 years, and then from 13,000 to 4000 BC
3. The coastline was therefore designed in this period of thaw.
4. How can you draw the Piri Reis coast except by a document dating back to the thaw?
5. And who at the time of the thaw had the technology to create a cartographic survey?
So to the mystery of the map that in 1513 shows a land which was only discovered in 1820, adds a mystery far more important: what millennium BC date back to the cartographic sources available to Piri Reis?
Images taken from the Internet.
Recommended Books: Graham Hancock. Fingerprints of the Gods

Annunci